Confermare la propria posizione

Confermare la propria posizione o selezionarla da un elenco di paesi per entrare in contatto con la sede locale di Ottobock. Faremo in modo che in futuro siate indirizzati sempre al sito selezionato, per essere sempre nel posto giusto.

Protesista seduto a un tavolo che parla con un amputato della gamba che mostra il moncone con una cuffia
Back to Mobility

Applicazione della protesi

Preparate il paziente al primo adattamento protesico, ripristinando la sua mobilità e spiegando i componenti della sua protesi di arto inferiore.

Preparate il paziente al primo adattamento protesico, ripristinando la sua mobilità e spiegando i componenti della sua protesi di arto inferiore.

Applicazione della protesi

Recuperare la mobilità del paziente

Dopo la fase acuta del recupero, il paziente sarà pronto a passare alla fase successiva della riabilitazione: l'applicazione di una protesi e l'apprendimento della deambulazione.

In genere inizierà questo processo con una protesi provvisoria realizzata nel periodo postoperatorio, dopo la guarigione della ferita chirurgica. La maggior parte dei pazienti utilizzerà la protesi provvisoria finché il volume e la muscolatura del moncone non si saranno stabilizzati.

Questo periodo offre al team di tecnici ortopedici l'opportunità di esplorare l'adattamento ottimale dell'invasatura e di identificare i componenti giusti per una protesi definitiva.

Un uomo siede a un tavolo di fronte a una donna e la ascolta mentre indica un documento

Componenti di una protesi

Quando si tratta di selezionare i componenti per una protesi dell'arto inferiore, i tecnici ortopedici di oggi possono scegliere tra un'ampia varietà di prodotti, tecniche di costruzione e funzioni. La combinazione giusta per ogni paziente varia a seconda dell'amputazione, del moncone e della capacità fisica del paziente.

I due tipi di amputazione di arto inferiore più comuni — transtibiale (TT) e transfemorale (TF) — in genere richiedono una combinazione dei seguenti componenti:

  1. Un’invasatura protesica che crea una connessione sicura e confortevole tra il moncone del paziente e la protesi

  2. Un liner e un sistema di sospensione che mantiene la protesi in posizione mentre il paziente cammina

  3. Un ginocchio protesico (solo TF) che aiuta a controllare il passo e la fase statica del paziente

  4. Un piede protesico (TT e TF) che garantisce sicurezza e stabilità mentre il paziente è in piedi o cammina

  5. Gli attacchi che aiutano a mantenere la protesi in posizione durante le attività quotidiane

  6. I rivestimenti cosmetici che aiutano la protesi ad avere un aspetto più naturale e a fondersi con l'aspetto generale del paziente.

L’invasatura protesica

Questo componente critico costituisce il collegamento tra il moncone dell'amputato e il resto della protesi. Ogni invasatura è costruita specificamente per chi la indossa, di solito utilizzando materiali leggeri e resistenti come il carbonio, il silicone o la resina laminata.

L’invasatura ha tre funzioni fondamentali che contribuiscono a garantire una camminata sicura e confortevole:

  • sostenere il trasferimento del carico e garantire una distribuzione uniforme delle forze assiali quando l'utente cammina.

  • stabilizzare l’utente assorbendo le forze orizzontali che altrimenti potrebbero causare l'inclinazione del moncone nell’invasatura

  • aderire all’utente per garantire una connessione salda e costante tra il moncone e l'invasatura durante la fase dinamica.

Utente con ginocchio elettronico Kenevo Ottobock seduto su un divano e che regola la presa Varos

Liner & sistema di sospensione

Questi due componenti definiscono il collegamento tra il moncone dell'utente e l'invasatura protesica. Insieme, assicurano che l'invasatura non scivoli via dal moncone dell'utente durante la deambulazione.

I sistemi di sospensione funzionano di solito con liner specifici e sono progettati per funzionare in uno dei due modi seguenti: attraverso una pressione negativa (sottovuoto) o utilizzando una configurazione meccanica. Il sistema giusto per ogni utente dipende spesso dalla forma e dall'altezza del moncone.

Amputato in piedi davanti a un protesista e che indossa un rivestimento Ottobock Skeo Sealing

Il ginocchio protesico (solo TF)

Questa articolazione sostitutiva è un componente fondamentale di qualsiasi soluzione protesica per gli utenti con amputazione sopra il ginocchio. I ginocchi protesici sono disponibili in diversi modelli, ma in genere rientrano in uno dei tre gruppi definiti dal funzionamento dell'articolazione sotto carico:

  • Nessuna flessione sotto carico, per es. ginocchi con blocco/freno, ginocchi policentrici a 4 assi, ginocchi meccanici monocentrici senza meccanismo di controllo della fase statica

  • Flessione limitata sotto carico, ad esempio adattatori, ginocchi policentrici a 4 assi (Ottobock 3R60)

  • Flessione illimitata sotto carico, per es. ginocchi con controllo dell’idraulica in fase statica (Ottobock 3R80), ginocchi meccatronici (Kenevo, C-Leg, Genium, Genium X3)

2 persone sedute su una panchina del parco, una persona indossa un ginocchio con microprocessore Ottobock Kenevo

Confronto tra le opzioni di ginocchi protesici

Sebbene questi componenti offrano una varietà di funzioni, design e capacità diverse, è sempre meglio partire dalla mobilità, dallo stile di vita e dalle attività dell'utente quando si sceglie l'articolazione del ginocchio per la sua protesi.

Regolato individualmente da un tecnico ortopedico esperto, ogni tipo di ginocchio protesico offre diversi vantaggi che l'utente deve considerare durante il processo di selezione. Ad esempio:

  • Ginocchi meccanici monocentrici funzionano in modo semplice e lineare, facilitando l'avvio della fase statica e dinamica. 

  • Ginocchi policentrici (4+ assi) offrono una maggiore sicurezza quando il ginocchio è allineato in modo ottimale. Durante la fase di oscillazione, questi ginocchi possono ridurre la lunghezza della gamba in modo da aumentare la distanza dalla punta del piede a terra dell'utente.

  • Ginocchi meccatronici massimizzano la sicurezza e la fiducia dell'utente stabilizzandolo dinamicamente durante la fase statica, migliorando il controllo durante la fase di oscillazione e offrendo un supporto reattivo quando si inizia a camminare e si scende da scale e pendii.

Il piede protesico (TT e TF)

Altro componente chiave di ogni protesi di arto inferiore, il piede protesico svolge un ruolo importante nello stabilizzare l'utente quando è in piedi o cammina. Oggi i team di tecnici ortopedici possono scegliere tra un'ampia gamma di piedi che supportano diversi stili del passo, attività quotidiane e altre esigenze dell'utente.

Ottobock Trias footshell next to a Ottobock Trias prosthetic foot

Confronto tra le opzioni di piedi protesici

Diverse caratteristiche di un piede protesico possono influenzare le prestazioni di un utente specifico. Alcuni fattori importanti da considerare sono:

  • Funzionalità della caviglia: un piede può funzionare in modo molto diverso a seconda che la caviglia sia mobile o meno. Le caviglie non mobili possono essere realizzate con una varietà di materiali diversi (ad esempio, fibra di carbonio o fibra di vetro) con caratteristiche di flessione diverse che influenzano la sensazione del piede durante il contatto iniziale, nella fase di mid-stance e al termine della fase dinamica.

  • Durezza: questa proprietà del tallone e dell'avampiede può influire sulla risposta dinamica del piede durante il ciclo del passo. La rigidità del tallone è particolarmente importante per stabilire un contatto iniziale sicuro, quando l'utente deve trasferire in modo sicuro l'energia al piede in modo che possa essere rilasciata al momento del distacco dell’avampiede. Alcuni piedi ottimizzano questo processo con lamine del tallone in fibra di carbonio stampata che funzionano come una molla altamente efficace per catturare l'energia.

  • Calzatura dell’utente: per sicurezza, gli amputati di arti inferiore dovrebbero evitare calzature con suole scivolose e tacchi di altezza non uniforme. I tacchi devono essere solidi ma non troppo rigidi, in modo che l'utente abbia un passo uniforme, mantenendo il controllo della protesi. Alcuni piedi protesici sono dotati di tacchi regolabili che possono offrire all'utente più opzioni nella scelta delle scarpe più adatte.

  • Preferenze cosmesi: mentre ad alcuni amputati piace mettere in mostra la protesi, altri preferiscono un aspetto più naturale e discreto. È disponibile un'ampia gamma di cover cosmetiche per gli utenti che desiderano che la protesi si integri con il loro aspetto generale.

Attacchi

Questi componenti possono svolgere diverse funzioni su una protesi di arto inferiore. Alcuni adattatori aiutano a garantire che la protesi dell'utente rimanga posizionata correttamente durante gli spostamenti della giornata. Altre opzioni specializzate, come i rotatori, possono consentire all'utente un migliore controllo della protesi durante alcune attività quotidiane (ad esempio, quando ci si veste).

Persona seduta su uno sgabello che collega l'adattatore Ottobock Quickchange al piede protesico Trias

Rivestimenti cosmetici

Mentre ad alcuni amputati piace mostrare la protesi, altri preferiscono un aspetto più naturale e discreto. È disponibile un'ampia gamma di cover cosmetiche per gli utenti che desiderano che la loro protesi si integri con il loro aspetto generale.

Una donna sorridente che indossa una gamba protesica con copertura Ottobock per protesi transfemorali modulari tiene una scarpa mentre un'altra donna si inginocchia davanti a lei e le tiene l'altra scarpa
Prenota un training

Migliora le tue competenze terapeutiche con Ottobock.

Volete ottimizzare i risultati che potete ottenere con i prodotti Ottobock? Contattate e programmate una sessione di formazione con i nostri specialisti.

Vantaggi:

  • Connettersi con una comunità globale di esperti

  • Corsi di formazione e certificazioni online e offline

  • Contenuti pensati per i terapisti

Le altre fasi

Il percorso Back to Mobility

Due protesisti discutono con un dottore mentre uno dei due tiene in mano un tablet
Back to Mobility

Preparazione pre-amputazione

Guida passo dopo passo su cosa considerare e come preparare i vostri pazienti e i loro familiari per un’amputazione programmata.

Guida passo dopo passo su cosa considerare e come preparare i vostri pazienti e i loro familiari per un’amputazione programmata.

Il tecnico ortopedico esamina con le sue mani il moncone e la cuffia di un amputato di arto inferiore
Back to Mobility

Recupero post-amputazione

Adottate le giuste misure per preparare il paziente ad un ritorno alla mobilità con successo.

Adottate le giuste misure per preparare il paziente ad un ritorno alla mobilità con successo.

Amputato di arto inferiore ginocchio elettronico Kenevo durante l'allenamento della deambulazione mentre riceve istruzioni da un protesista che tiene in mano un tablet
Back to Mobility

Protesi e training del passo

Preparate il paziente a familiarizzare con la protesi e guidatelo durante il training del passo

Preparate il paziente a familiarizzare con la protesi e guidatelo durante il training del passo

Amputato con ginocchio elettronico Ottobock Kenevo che cammina lungo un prato ripido mentre riceve consigli dal protesista piedi di fronte a lui
Back to Mobility

Preparare i pazienti per la vita quotidiana

Supportate i pazienti a reintegrarsi nella vita quotidiana con la loro protesi.

Supportate i pazienti a reintegrarsi nella vita quotidiana con la loro protesi.